Scroll Top

Brave Browser

Brave Browser è un browser gratuito relativamente recente incentrato sulla privacy, che offre diverse funzioni di sicurezza automatiche. Dal blocco dei tracker e degli annunci, alla ricerca privata, Brave include persino una VPN, risultando all’avanguardia nella sicurezza avanzata dei browser.
E’ un browser costruito sopra il codice open-source Chromium e utilizza una licenza MPL. E’ possibile estendere Brave usando una serie di componenti aggiuntivi, alcuni dei quali funzionano con una licenza GPL e poiché è costruito su Chromium, si può anche installare qualsiasi estensione dal Chrome Web Store (funzioneranno allo stesso modo, con prestazioni simili).

Brave browser è stato lanciato solo alla fine del 2019, eppure ha accumulato quasi dieci milioni di utenti. Da lì, la base di utenti ha rapidamente raggiunto 15 milioni di utenti, e lo scorso novembre ha visto Brave raggiungere il traguardo dei 20 milioni di utenti.

Brave Browser, Welcome page
Welcome page - Brave Browser.

Dal punto di vista della sicurezza, Brave è un prodotto solido e potenzialmente sicuro.
Tra le caratteristiche di sicurezza incluse in Brave, troviamo:

Il browser web è dotato di alcuni extra, come Brave Rewards, un programma che consente agli utenti di guadagnare gettoni di criptovaluta accettando di vedere alcuni annunci pubblicitari.

È presente anche un portafoglio di criptovalute nativo del browser per acquistare, conservare, inviare e scambiare criptovalute.
Brave browser ha anche un proprio motore di ricerca, Brave Search, che consente di effettuare ricerche private senza lasciare traccia.

Brave Rewards
Brave Rewards.

È possibile cambiare il modo in cui Brave blocca gli annunci e i tracker, i cookie cross-site e il “fingerprinting”. Potete anche attivare la funzionalità HTTPS Everywhere, che funziona su tutte le connessioni in entrata a un sito web, piuttosto che solo sulla pagina principale.

È più veloce di Firefox o Safari sullo stesso sistema ed è più leggero richiedendo un quantitativo di memoria 6 volte inferiore rispetto a Chrome. Questo è impressionante data la tecnologia integrata che gira sotto il cofano, come HTTPS Everywhere, Privacy Badger, e altro.

Brave browser è il primo ad offrire un supporto nativo per i collegamenti IPFS (InterPlanetary File System).

L’InterPlanetary File System è un protocollo di comunicazione e una rete peer-to-peer per l’archiviazione e la condivisione di dati in un file system distribuito.

IPFS è un sistema che funziona con lo schema “ricerca per contenuto”, cioè, ogni volta che facciamo una ricerca in IPFS, dobbiamo dire al sistema “cosa stiamo cercando” invece di dirgli “dove cercarlo” . modificando il modo in cui Internet ha funzionato fino a questo momento.

I vantaggi evidenti che derivano dal modello di archiviazione distribuita di IPFS si applicano all’archiviazione dei dati molto più efficiente e alla permanenza immutabile.
1. Nessuna dipendenza dai server
2. Riduzione di costo
3. Riduzione della censura dell’ISP
4. Storicità dei dati memorizzati sulla rete.

Post Correlati
Clear Filters

CyberLink PhotoDirector è relativamente sconosciuto a molti nel mondo del fotoritocco, ma ultimamente ha fatto molta strada e sono piacevolmente…

“Debian 12.0 GNU/Linux”, dopo quasi due anni di sviluppo è stato rilasciato, nello scorso mese di giugno, la nuova versione…

Adobe Lightroom è una famiglia di software, creati appositamente per i fotografi e dedicati alla gestione ed elaborazione di grandi…