Scroll Top

Dell Alienware m16 R1 (2023)

Anche Dell si è unito al club dei laptop da 16 pollici con il nuovissimo modello Alienware m16 R1 (2023).

Ha un nuovo telaio con un design familiare e si vanta di essere il laptop Alienware più potente fino ad oggi.

È disponibile con CPU AMD Ryzen 9 oppure con CPU Intel i7 o i9 (entrambi di 13° generazione) abbinabili con GPU NVIDIA GeForce RTX della serie 40.

Con la CPU AMD è anche disponibile un’opzione entry-level che comprende una GPU AMD Radeon RX 7600M XT.

Le opzioni di visualizzazione includono un display QHD+ a 165 Hz, un display QHD+ a 240 Hz e un display FHD+ a 480 Hz (scelte disponibili in base alla tipologia di CPU selezionata).

Tutti e tre supportano la frequenza di aggiornamento variabile per ridurre lo screen tearing (particolare artefatto dello schermo).

Sono inoltre disponibili più opzioni per la tastiera: una tastiera Alienware serie M con retroilluminazione AlienFX RGB ed una tastiera meccanica con interruttori CherryMX a profilo ultra basso (scelte disponibili sempre in base alla tipologia di CPU selezionata).

Include la Wi-Fi 6E, una webcam 1080p e una batteria da 86Wh. Inoltre i modelli Intel hanno il supporto Thunderbolt 4 e G-SYNC di NVIDIA.

DESIGN E COSTRUZIONE

Questa è la prima generazione di Alienware m16 di Dell. Rispetto al modello precedente (Alienware m15) è leggermente più grande in ogni dimensione, compreso il peso.

Anche se pesante, presenta sicuramente un design di qualità e ben costruito. Disponibile solo il colore Dark Metallic Moon.

Il Dell Alienware m16 R1 ha un design orientato ai giocatori. Ha uno chassis grigio scuro, cornici relativamente sottili, un pulsante di accensione a forma di logo Alienware e una tastiera retroilluminata RGB.

C’è anche un’illuminazione RGB sul coperchio e sul retro del laptop. Le griglie a nido d’ape sopra la tastiera sono prese d’aria mentre gli altoparlanti sono nella parte inferiore vicino alla parte anteriore.

Ulteriori prese d’aria si trovano sui lati, sul retro e sul fondo del laptop. Non ci sono porte sul lato destro del laptop, lasciando più spazio per muovere il mouse, anche se questo aiuta solo gli utenti destrimani.

La qualità costruttiva del Dell Alienware m16 R1 è eccezionale. La struttura in metallo e plastica sembra molto robusta, mostrando solo una piccola quantità di flessibilità sul coperchio e quasi nessuna sulla tastiera e sul display.

La finitura è abbastanza resistente ai graffi e non raccoglie molte impronte digitali per una finitura di colore scuro. I piedi sembrano solidi e aderiscono saldamente al fondo.

C’è una testa Alienware retroilluminata centrata sul coperchio, che è RGB e può essere modificata in Alienware Control Center o disabilitata del tutto.

C’è anche una decalcomania “16” stampata sul coperchio per indicare le dimensioni del laptop, nel caso te ne dimenticassi.

Sul coperchio del Dell Alienware m16 R1 (2023) c'è anche una decalcomania "16" per indicare le dimensioni del laptop

Nel pacchetto RGB è incluso anche un anello luminoso che avvolge le prese d’aria posteriori della macchina.

Questo modello supporta la funzione di accensione automatica quando si solleva il coperchio. Le cornici in alto e sui lati sono ragionevolmente piccole, ma la cornice inferiore è un po’ più grande.

È possibile personalizzare la retroilluminazione della tastiera, l’illuminazione sul coperchio e l’illuminazione sul retro del portatile tramite l’applicazione Alienware Command Center.

Infine parliamo delle cerniere, che sono semplicemente eccezionali. L’apertura e la chiusura del coperchio sono fluide, ed è molto stabile, non presenta quasi oscillazioni quando si sposta il laptop o si digita in modo aggressivo.

Hanno una discreta resistenza, ma puoi comunque aprire il portatile con una mano perché la base è pesante.

TASTIERA E TRACKPAD

La tastiera di questo Alienware m16 R1 è posizionata un po’ più in basso (verso l’utente) rispetto al solito, a causa delle prese d’aria poste nella parte superiore.

Questo mette i tuoi palmi in una posizione difficile se hai le mani grandi. Almeno il bordo anteriore è morbido e arrotondato.

È possibile configurare il Dell m16 con una tastiera scissor switch o una tastiera meccanica con interruttori CherryMX a profilo ultra ribassato.

La corsa dei tasti e il feedback sono ampi, rendendo ogni pressione di un tasto naturale e tattile.

La stabilità dei tasti è buona ma leggermente incoerente, poiché alcuni tasti oscillano più di altri.

A causa delle dimensioni del laptop e della posizione della tastiera, potrebbe essere necessario allungare le braccia più del solito per digitare, il che può causare affaticamento nel tempo.

La retroilluminazione della tastiera è per tasto e offre milioni di opzioni di colore diverse per ciascun tasto. Puoi personalizzare tutti gli effetti di luce in Alienware Control Center.

Anche la retroilluminazione è incoerente, poiché alcuni tasti sembrano più deboli di altri.

C’è anche una serie di tasti multimediali sulla destra e tasti freccia di dimensioni normali.

Il trackpad però è tutt’altro che speciale. È estremamente piccolo perché la tastiera è posizionata così in basso sul poggiapolsi ed è probabilmente il trackpad più piccolo di queste dimensioni di laptop.

È in vetro e senza pulsanti, con i gesti multi-touch che funzionano come dovrebbero.

Tiene ben traccia di tutti i movimenti e dei gesti; è semplicemente piccolo, rendendo più impegnative operazioni come il trascinamento, il rilascio e lo zoom avanti e indietro delle immagini.

Puoi fare clic solo nella metà inferiore del touchpad; i pulsanti sembrano un po’ molli ma migliori di quelli del Dell Alienware m18 (2023).

DISPLAY

La scelta del display dipende dall’utilizzo. I pannelli QHD+ più nitidi (2560 x 1600) sono un’opzione migliore se giocate spesso a giochi in cui avete il tempo di apprezzare la grafica, come giochi atmosferici e giochi di ruolo.

La loro maggiore nitidezza li rende anche migliori per la produttività e visualizzazione dei media.

La nitidezza del pannello FHD+ (1920 x 1200) è accettabile; la sua densità di pixel pari a 141 PPI può sembrare bassa se sei abituato a schermi ad alta risoluzione come i display Retina di Apple MacBook, ma tieni presente che è comunque più nitido di un monitor desktop 1440p da 27 pollici.

Il display FHD+ è più adatto per giochi in rapido movimento come FPS e giochi di corse grazie alla sua elevata frequenza di aggiornamento.

Tutti e tre i pannelli hanno un formato 16:10, che sta rapidamente diventando la norma.

È leggermente più alto del formato standard 16:9 ma l’aumento dello spazio verticale non influisce molto sul gioco, ma aiuta con la produttività.

Infatti puoi vedere più informazioni contemporaneamente sullo schermo durante la lettura di un documento o un sito Web, riducendo la necessità di scorrere.

Lo schermo è discretamente luminoso. Va bene per la maggior parte degli usi interni, ma potresti avere problemi di visibilità in stanze ben illuminate o soleggiate.

Non è abbastanza luminoso per l’esterno in pieno giorno. Tutte e tre le opzioni di display hanno la stessa luminosità dichiarata di 300 cd/m².

Non ci sono porte sul lato destro del Dell Alienware m16 R1 (2023) ma solo prese d'aria per le ventole

Lo schermo è piuttosto scuro con l’impostazione di luminosità più bassa, il che è ottimo per la visione in stanze buie, poiché provoca meno affaticamento degli occhi.

La gestione dei riflessi del display è decente. Il suo rivestimento opaco fa un ottimo lavoro nel diffondere e ridurre l’intensità delle fonti di luce intensa.
Puoi ancora vedere alcuni riflessi quando visualizzi contenuti dai colori vivaci con lo schermo alla massima luminosità, ma non distraggono eccessivamente.

Per lo più avrai problemi a visualizzare contenuti di colore scuro. Tutti e tre i pannelli hanno lo stesso rivestimento antiriflesso.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Per le normali attività quotidiane, questo hardware è completamente eccessivo. Ma è stato progettato per i giochi e anche questo non delude.

Per quanto riguarda gli aggiornamenti è un’operazione semplice, rimuovendo tutto tranne le viti dell’angolo inferiore (quelle possono essere le ultime e non venire completamente via).

È davvero uno spettacolo una volta dentro. Hai accesso completo alla RAM e fino a quattro slot SSD.

Per quanto riguarda la memoria RAM, puoi configurare questo laptop con 16 GB, 32 GB o 64 GB di RAM. Secondo le specifiche Dell, la velocità della RAM è di 4800 MHz ed i moduli di memoria sono sostituibili.

A livello di storage, i modelli con GPU RTX 4080, RTX 4090 o Radeon RX7600M hanno uno slot M.2 2230 e due slot M.2 2280, mentre i modelli con GPU RTX 4060 o 4070 hanno solo due slot M.2 2280.

Questo laptop può essere configurato con 512 GB, 1 TB, 2 TB, 4 TB, 8 TB o 8.5 TB di spazio di archiviazione.

Ad eccezione delle opzioni di archiviazione da 512 GB e 1 TB, le altre configurazioni di archiviazione sono disponibili in un array RAID 0.

RAID 0 aumenta significativamente la velocità delle unità suddividendo i dati in modo uniforme su più unità; tuttavia, il guasto di un’unità può causare la perdita di dati su tutte le unità.

Come per le RAM anche gli SSD sono sostituibili dall'utente.

Alienware Command Center viene utilizzato per controllare i profili di alimentazione su questa macchina. Da non confondere con My Alienware che viene visualizzato come app predefinita nella barra delle applicazioni.

I limiti di potenza sono determinati in ciascuna modalità e ce ne sono alcuni tra cui scegliere:
Full Speed, Balanced e Quiet.

L’i9-13900HX in questo Alienware m16 R1, ad esempio, funziona a circa 150W sostenuti al profilo Full Speed, con prestazioni costanti e temperature intorno ai 90°C. Il rumore è molto alto in questa modalità, con oltre 55 dBA.

Il profilo Balanced doma le ventole con solo un piccolo calo di prestazioni.

Il profilo Quiet è ancora più silenzioso e limita in modo aggressivo la potenza della CPU.

RUMORE, CALORE, CONNETTIVITA’

Su questo modello Alienware m16 R1, Dell ha implementato una grande camera di vapore (heat pipe) con quattro ventole per mantenere fresco il portatile. La scheda madre è invertita.

Due ventole si trovano sul lato destro del portatile, dal lato della GPU, dove si trova lo scarico extra large.

La terza ventola è nell’angolo sinistro e la quarta è una piccola ventola al centro. Probabilmente la minuscola ventola fa semplicemente circolare l’aria per spingerla fuori mentre le altre tre sono concentrate sulla camera di vapore.

Il bordo posteriore del portatile è costituito principalmente dal collettore di scarico, che ospita una grande griglia su entrambi i lati. Al centro tra loro c’è la maggior parte dell’IO.

È una soluzione che sembra funzionare bene, ma è un approccio discutibile su un laptop già così grande. Aggiunge chiaramente più profondità all’impronta rispetto alla concorrenza.

E’ in modalità Balanced che si ottengono temperature decenti. La temperatura media della CPU di 87°C non è necessariamente stellare, ma almeno è sotto controllo. 75°C sul lato GPU è comunque abbastanza buono e tutto questo a 44dB(A) è abbastanza tollerabile per un utilizzo gaming intenso.

Ma se quelle temperature ti danno fastidio, hai la possibilità di impazzire nella modalità Full Fan.

Ciò aumenta il rumore fino a 57 dB(A), che è decisamente intollerabile a meno che non si indossino ottime cuffie.

Le prestazioni non sono aumentate drasticamente, quindi credo semplicemente che si possa evitare del tutto questa modalità.

La modalità Silenziosa (Quiet) è una piacevole sorpresa. Nonostante le ventole non siano poi così silenziose dato che producono 40dB(A), è comunque un compromesso ragionevole.

Ma le prestazioni a questo livello non sono stellari e le temperature interne sono simili a quelle della modalità Bilanciata.

Il Dell Alienware m16 R1 (2023) ha una testa Alienware retroilluminata RGB centrata sul coperchio del display

Una critica nei confronti del sistema di raffreddamento riguarda i forti picchi di temperatura della CPU a cui si assistite anche durante le attività quotidiane.

In ogni caso, probabilmente non c’è nulla di cui preoccuparsi: i picchi sono molto brevi e le ventole alla fine riescono a tenere il passo con la richiesta della macchina.

Le temperature esterne durante il gioco sono abbastanza ragionevoli considerando la potenza emessa da questa macchina.

Ciò che risalta davvero è quanto diventa calda la presa d’aria sopra la tastiera.

A livello di connessioni, la selezione di porte del Dell Alienware m16 è eccezionale.

Sono disponibili: 2 porte USB-A, 2 porte USB-C, 1 porta HDMI, 1 porta Mini DisplayPort 1.4, 1 porta 3.5mm Jack (Combo mic/cuffie), 1 Card Reader SD UHS 2 ed 1 porta Ethernet.

Entrambe le porte USB-A supportano velocità di trasferimento dati USB 3.2 Gen 1 fino a 5 Gbps. L’USB-A a sinistra (accanto alla porta Ethernet) supporta PowerShare, che consente di impostare la quantità di carica della batteria che un dispositivo collegato può assorbire durante la ricarica.

Ad esempio, se lo imposti su 25%, la ricarica si interromperà quando avrai utilizzato il 25% della carica totale della batteria del laptop e puoi anche disattivare completamente la ricarica.

Le due porte USB-C sul retro del laptop supportano la velocità di trasferimento dati USB 3.2 Gen 2 (fino a 10 Gbps di velocità di trasferimento dati) indipendentemente dalla configurazione.

Tuttavia, il supporto per DisplayPort varia: sui modelli con GPU Radeon RX 7600M XT, RTX 4080 o RTX 4090, entrambi gli USB-C supportano DisplayPort.

Sui modelli con GPU NVIDIA GeForce RTX 4060 o 4070, solo una porta USB-C supporta DisplayPort. Mentre la porta Ethernet ha una velocità massima di 2,5 Gbps.

L’adattatore wireless del portatile Dell m16 è un Intel Killer Wi-Fi 6E AX1690i, con Antenna 2×2 (Intel Double Connect Technology), certificata Wi-Fi 6E (802.11ax), tecnologia Multi-user MIMO (MU-MIMO) e Bluetooth in versione 5.2.

Tuttavia, per beneficiare di queste funzionalità è ovviamente necessario un router che supporti il Wi-Fi 6E.

Gli altoparlanti del Dell m16 diventano molto potenti con artefatti di compressione minimi a livelli di volume elevati.

Suonano pieni, chiari e naturali. C’è una discreta quantità di bassi, non tanto quanto quelli dell’Apple MacBook Pro 16 (2021), ma comunque rispettabili per un laptop Windows.

Il suono semplicemente non ha alcuna pienezza ed è spostato verso gli alti e i medi alti piuttosto che verso le frequenze più basse.

Il Dell Alienware m16 ha una webcam con sensore FHD. L’immagine appare abbastanza dettagliata e ben esposta; tuttavia, i colori sono leggermente spenti e c’è del rumore qua e là.

Le immagini mancano di nitidezza, anche con una buona illuminazione mentre le voci suonano ragionevolmente chiare al microfono con un rumore di fondo minimo.

Il sensore IR però funziona benissimo. Non si incontrano problemi a configurarlo o a usarlo per sbloccare il PC, giorno e notte. L’unica cosa che manca alla webcam è probabilmente un otturatore per la privacy.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

DURATA DELLA BATTERIA

L’Alienware m16 ha una batteria con capacità di 86 Wh ed una durata veramente limitata. Dovrai utilizzare per la maggior parte il laptop collegato, soprattutto quando giochi.

Trattandosi però di un laptop da gioco forse non sarà un grosso problema per molti di voi.

Durata della batteria (navigazione Web): 2.6 h
Durata della batteria (riproduzione video): 2.4 h
Durata della batteria (giochi): 0.8 h
Tempo di ricarica: 2.7 h

Indipendentemente da ciò, questo è un laptop da gioco, quindi immagino che vada bene a patto che non si intenda fare lunghe sessioni lontano da una presa di corrente.

L’alimentatore di questo modello è enorme! Questo è il tipico caricabatterie in stile mattone della vecchia scuola.

Il Dell Alienware m16 R1 (2023) viene fornito con un alimentatore enorme da ben 330 W

Ha una potenza di 330 W, il che va bene per supportare l’hardware all’interno del laptop. Ha un diametro grande ed è piuttosto lungo.

CONSIDERAZIONI

In breve, non è poi così male. La cosa importante da chiedersi è se desideri qualcosa di più di un semplice laptop da gioco.

Sebbene sia un ottimo laptop per i giochi, la durata della batteria e il peso complessivo lo rendono difficile da vendere per utilizzarlo per qualcosa di diverso dai giochi, come il lavoro o l’uso multimediale causale.

Anche la webcam e gli altoparlanti non aiutano la situazione. E non dimentichiamo quanto fa caldo semplicemente guardando Netflix.

Il Dell Alienware m16 è un buon laptop da gioco di fascia media. Ha più opzioni di configurazione rispetto alla maggior parte dei laptop della sua categoria, quindi è più facile scegliere un modello adatto alle tue esigenze e al tuo budget.

Inoltre è anche uno dei pochi laptop sul mercato che offre un’opzione di tastiera meccanica.

I prezzi partono da 1.819,00 € per il modello di partenza con CPU AMD Ryzen 9 7845HX mentre per avere una CPU Intel saranno necessarie almeno 1.899,00 € in cambio di un Processore Intel Core i7 13700HX.

L’unico altro laptop di livello simile che corrisponde a questo Alienware m16 nel prezzo è il Lenovo Legion Pro 7i.

Il Dell Alienware m16 è un buon laptop da gioco di fascia media che permette di scegliere, in fase di acquisto, tra diverse configurazioni hardware.
Configurazioni hardware disponibili per il Dell Alienware m16 R1 (2023).
Post Correlati
Clear Filters

Logitech G PRO X 2 LIGHTSPEED è la nuova generazione di cuffie da gioco di Logitech G. Sono stati aggiunti…

L’ Ultimate Ears WONDERBOOM 3 è uno degli speaker wireless economici più apprezzati e di successo del settore. E’ un…

ASUS Zenbook S 13 OLED UX5304V (versione 2023) pesa appena 1.043 grammi ed è spesso solo 1 centimetro da chiuso…